Otto scout su dieci dicono sì all’alcol, uno su due sì alle canne, il 90% ammette i rapporti prematrimoniali, il 42% farebbe sesso con una persona sposata e il 39% approva l’aborto e dice di non credere in Dio. Il nucleo fondante dei «Papa boys» che affollano le Giornate mondiali della gioventù e i raduni ecclesiali approvano alcol, fumo, sesso e hanno le idee chiare su aborto e omosessualità. Sono delusi dalla politica (uno su tre è contrario ai partiti), considerano la famiglia il loro unico punto di riferimento, stanno al passo con i tempi (quasi tutti hanno cellulare e computer, il 70% possiede dvd e videoregistratori). L’esito più sorprendente dell’indagine riguarda una morale molto più libertina dell’immagine tradizionale dello scoutismo che in Italia su 200mila aderenti ne annovera ben 180mila cattolici.
Annunci